“Cosa c’entriamo noi con le zucche?” Conversazione con Paolo Gulisano a Lugo, il 24 ottobre 2016

la_notte_delle-zucche_2016

Be Sociable, Share!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • StumbleUpon
  • Delicious
  • Google Reader
  • LinkedIn
  • BlinkList
Posted in Forse pochi sanno che..., Spunti di riflessione | Leave a comment

“Gli insorgenti, sfide dal passato al presente”: a Lugo, il 24 giugno 2016, ore 20,45, presso il Salone del Carmine

Insorgenze

Be Sociable, Share!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • StumbleUpon
  • Delicious
  • Google Reader
  • LinkedIn
  • BlinkList
Posted in Forse pochi sanno che..., vivere il presente | Leave a comment

17 giugno 2016 – Chiesa del Carmine di Lugo – “Col Canto, gli strumenti e la voce in concerto nei luoghi d’arte”

locandina Col CantoL’Ensemble Le Petite Orgue, in collaborazione con Sonia Muzzarelli, responsabile del settore conservazione patrimonio storico-artistico-archivistico Ausl della Romagna, presenta un progetto articolato in visite guidate e concerti, volto alla valorizzazione artistico-culturale di significativi edifici lughesi, in un intreccio di specifiche sinergie e competenze.
Due sono gli appuntamenti di questa prima edizione: il primo con il coro femminile Res Miranda e l’organista Riccardo Tanesini nella settecentesca chiesa del Carmine dove, dopo la visita guidata, sarà possibile ascoltare i preziosi organi Callido (1797) e Gatti (1750) ed un ampio excursus vocale che va dal Rinascimento ai giorni nostri; il secondo con il soprano Federica Guerra e l’ensemble di flauti Le Petit Orgue presso l’oratorio di Sant’Onofrio (1679), per una serata dedicata alle reinvenzioni timbriche di brani di repertorio e con una fuga in avanti verso il Sud-America, introdotta da un avventuroso Pachelbel in versione Latin.

Venerdì 17 giugno 2016 – Chiesa del Carmine – Lugo
Ore 20,15 visita guidata: Michele Pagani
Ore 21 concerto

Domenica 26 giugno 2016 Oratorio di Sant’Onofrio – Lugo
Ore 20 visita guidata: Dott. Sonia Muzzarelli
Ore 21 concerto

Be Sociable, Share!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • StumbleUpon
  • Delicious
  • Google Reader
  • LinkedIn
  • BlinkList
Posted in Spunti di riflessione | Leave a comment

UNA FIRMA per abolire le sanzioni ai siriani

Lo scopo della petizione ”Basta Sanzioni alla Siria” lanciata sulla piattaforma ‘Change.org’ è attirare l’attenzione dell’opinione pubblica e della politica sul problema dell’embargo. Le sanzioni potrebbero essere rinnovate lunedì 23 maggio quando si riunirà il Consiglio Europeo con rappresentanti dei governi, ministri o sottosegretari. E’ sufficiente che un solo membro si opponga al rinnovo perché le sanzioni vengano sospese.
La guerra e le sanzioni non lasciano altro scampo ai siriani che la fuga. Lo spiega l’appello delle religiose e dei religiosi siriani, impegnati ogni giorno a soccorrere le popolazioni, i superstiti di Aleppo come i milioni di sfollati interni: essi chiedono una possibilità dignitosa di restare nella propria terra.
Vi invitiamo dunque a firmare e a diffondere tra tutti i vostri conoscenti la petizione, che trovate qui:
ANCHE ORA PRO SIRIATEMPI, ASIANEWS, ZENIT HANNO ADERITO A QUESTA INIZIATIVA

 

Nel 2011 l’Unione Europea, varò le sanzioni contro la Siria, presentandole come “sanzioni a personaggi del regime”, che  imponevano al Paese l’embargo del petrolio, il blocco di ogni transazione finanziaria e il divieto di commerciare moltissimi beni e prodotti. Una misura che dura ancora oggi, anche se, con decisione alquanto inspiegabile, nel 2012 veniva rimosso l’embargo del petrolio dalle aree controllate dall’opposizione armata e jihadista, allo scopo di fornire risorse economiche alle cosiddette “forze rivoluzionarie e dell’opposizione”.
In questi cinque anni le sanzioni alla Siria hanno contribuito a distruggere la società siriana condannandola alla fame, alle epidemie, alla miseria, favorendo l’attivismo delle milizie combattenti integraliste e terroriste che oggi colpiscono anche in Europa. E si aggiungono a una guerra, che ha già comportato 250.000 morti e sei milioni di profughi.
La situazione in Siria è disperata. Carenza di generi alimentari, disoccupazione generalizzata, impossibilità di cure mediche, razionamento di acqua potabile, di elettricità. Non solo, l’embargo rende anche impossibile per i siriani stabilitisi all’estero già prima della guerra di spedire denaro ai loro parenti o familiari rimasti in patria. Anche le organizzazioni non governative impegnate in programmi di assistenza sono impossibilitate a spedire denaro ai loro operatori in Siria. Aziende, centrali elettriche, acquedotti, reparti ospedalieri sono costretti a chiudere per l’impossibilità di procurarsi un qualche pezzo di ricambio o benzina.
Oggi i siriani vedono la possibilità di un futuro vivibile per le loro famiglie solo scappando dalla loro terra. Ma, come si vede, anche questa soluzione incontra non poche difficoltà e causa accese controversie all’interno dell’Unione europea. Né può essere la fuga l’unica soluzione che la comunità internazionale sa proporre a questa povera gente.
Così sosteniamo tutte le iniziative umanitarie e di pace che la comunità internazionale sta attuando, in particolare attraverso i difficili negoziati di Ginevra, ma in attesa e nella speranza che tali attese trovino concreta risposta, dopo tante amare delusioni, chiediamo che le sanzioni  che toccano la vita quotidiana di ogni siriano siano immediatamente tolte. L’attesa della sospirata pace non può essere disgiunta da una concreta sollecitudine per quanti oggi soffrono a causa di un embargo il cui peso ricade su un intero popolo.
Non solo:  la retorica sui profughi che scappano dalla guerra siriana appare ipocrita se nello stesso tempo si continua ad affamare, impedire le cure, negare l’acqua potabile, il lavoro, la sicurezza, la dignità a chi rimane in Siria.
Così ci rivolgiamo ai parlamentari e ai sindaci di ogni Paese affinché l’iniquità delle sanzioni alla Siria sia resa nota ai cittadini dell’Unione Europea (oggi assolutamente ignari) e diventi, finalmente,  oggetto di un serio dibattito e di conseguenti deliberazioni.

 FIRMATARI

Padre Georges Abou Khazen – Vicario apostolico dei Latini ad Aleppo
Padre Pierbattista Pizzaballa  – Emerito Custode di Terrasanta
Padre Joseph Tobji  – Arcivescovo maronita di Aleppo
Padre Boutros Marayati- Vescovo armeno di Aleppo
Suore della Congregazione di San Giuseppe dell’Apparizione dell’Ospedale “Saint Louis” di Aleppo
Comunità Monache Trappiste in Siria
Dottor Nabil Antaki – Medico, ad Aleppo, dei Fratelli Maristi
Suore della  Congregazione del Perpetuo Soccorso – Centro per minori e orfani sfollati di Marmarita
Padre Firas Loufti – Francescano
Monsignor Jean-Clément Jeanbart – Arcivescovo greco-cattolico di Aleppo

 

 

Be Sociable, Share!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • StumbleUpon
  • Delicious
  • Google Reader
  • LinkedIn
  • BlinkList
Posted in vivere il presente | 1 Comment

A LUGO, VENERDI’ 13 MAGGIO 2016, ore 20:45, DIALOGO CON PAOLO GULISANO SU TOLKIEN ED “IL SIGNORE DEGLI ANELLI”

dalla riduzione del desiderio all'avventura

Be Sociable, Share!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • StumbleUpon
  • Delicious
  • Google Reader
  • LinkedIn
  • BlinkList
Posted in Spunti di riflessione | Leave a comment

Lugo, 20 marzo 2016, ore 16.00 – Riflessione sul film “Dialoghi delle Carmelitane”, con il Prof. G. Zappitello

dialoghidellecarmelitane-20-03-2016 (FILEminimizer)

Be Sociable, Share!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • StumbleUpon
  • Delicious
  • Google Reader
  • LinkedIn
  • BlinkList
Posted in Cristianofobia, Spunti di riflessione | Leave a comment

Foto della serata con l’autrice del libro “Controvento” Rita Garofalo (26/2/2016)

Be Sociable, Share!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • StumbleUpon
  • Delicious
  • Google Reader
  • LinkedIn
  • BlinkList
Posted in Spunti di riflessione | Leave a comment

A LUGO, VENERDI 26 FEBBRAIO ORE 20,45 – CONVERSAZIONE “CONTROVENTO” CON RITA GAROFALO

controvento 26.02.2016

 

Venerdì, 26 febbraio 2016, ore 20,45

Conversazione “CONTROVENTO” con Rita Garofalo
al Salone del Carmine in via Garibaldi 16 a LUGO

Con l’onore di essere cercatori di Verità nel nostro tempo

Il racconto appare come un viaggio dell’anima dove il tumore al seno diventa strumento per ripercorrere il passato, affrontare i fallimenti e le contraddizioni di una vita, per giungere infine alla guarigione del cancro del seno e dal cancro dell’anima che lo ha generato.

E’ un inno alla vita che vale la pena vivere con la gioia del dono e la prospettiva di essere anche di aiuto agli altri nella costruzione del bene sociale.

La malattia, vissuta come espressione di un conflitto che ha bisogno di emergere per essere affrontato, diventa opportunità per un cambiamento necessario e funzionale alla propria vita.

La speranza come un fiume carsico riaffiora.

Be Sociable, Share!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • StumbleUpon
  • Delicious
  • Google Reader
  • LinkedIn
  • BlinkList
Posted in Spunti di riflessione | Leave a comment

Lugo, 31 gennaio 2016, ore 16.00 – Lawrance d’Arabia e la visione araba del mondo, con il Prof. G. Zappitello

lawrence

Be Sociable, Share!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • StumbleUpon
  • Delicious
  • Google Reader
  • LinkedIn
  • BlinkList
Posted in Spunti di riflessione, vivere il presente | Leave a comment

24 gennaio 2016, ore 16.30: Visita della Chiesa della Collegiata di Lugo e collegamento con Padre Ibrahim da Aleppo

college 24.1.2016

Be Sociable, Share!
  • Twitter
  • Facebook
  • email
  • StumbleUpon
  • Delicious
  • Google Reader
  • LinkedIn
  • BlinkList
Posted in Spunti di riflessione, vivere il presente | Leave a comment